Rapporto sulla ripartenza degli screening - settembre 2020

Rapporto sui ritardi accumulati dai programmi di screening Italiani in seguito alla pandemia da Covid-19. Secondo Rapporto al 30 Settembre 2020

A cura del Gruppo di lavoro ONS
Paola Mantellini, Francesca Battisti, Priscilla Sassoli de Bianchi, Paola Armaroli, Jessica Battagello, Paolo Giorgi Rossi, Pamela Giubilato, Carlo Senore, Leonardo Ventura, Manuel Zorzi e Marco Zappa

Consulta e scarica il documento in pdf ( 816 Kb).

Introduzione
L’Osservatorio Nazionale Screening (ONS) si è proposto di monitorare l’andamento dei programmi di screening durante l’epidemia da Coronavirus.  Uno degli strumenti allestiti allo scopo è stata la conduzione di una indagine per misurare quantitativamente (survey quantitativa) il ritardo accumulato e le capacità di recupero di ogni Regione. La prima survey quantitativa ha analizzato il periodo gennaio-maggio 2020 e lo ha confrontato con l’analogo periodo del 2019. È opportuno sottolineare quindi, che trattandosi di una comparazione tra lo stesso periodo di due anni consecutivi, non si è in alcun modo tenuto conto della situazione di contesto del 2019, relativa all’obiettivo di estensione e al suo reale raggiungimento.  Di seguito presentiamo i risultati della seconda survey che si è estesa fino alla fine del settembre 2020. Si ricorda che la sospensione delle prestazioni di screening si è verificata nei mesi di marzo e aprile 2020, ancorché in modo non omogeneo su tutto il territorio nazionale. A partire da maggio i programmi di screening sono stati riattivati, anche in questo caso però con tempistiche, intensità e modalità diverse fra le varie Regioni e all’interno della stessa Regione.
 
La survey quantitativa
Anche la seconda survey quantitativa è stata condotta mediante invio di una scheda ad hoc a tutti i coordinamenti regionali dei programmi di screening oncologici alla fine del mese di ottobre. Essa sarà ripetuta nel gennaio 2021. Lo scopo della survey è confrontare il numero di inviti e di esami fatti nei primi nove mesi del 2020 con i medesimi numeri del 2019, negli stessi intervalli temporali. Inoltre, è stato stimato il ritardo accumulato in "mesi standard", ovverosia il numero di mesi di attività che sarebbero necessari per recuperare il ritardo accumulato se il programma andasse alla stessa velocità dell'anno precedente, ossia esaminasse mediamente per mese lo stesso numero di persone osservato nel 2019. Tale parametro si ottiene moltiplicando la proporzione di test in meno effettuati nel 2020, in un certo intervallo di tempo, per il numero di mesi che compongono il periodo. Ad esempio, se nei primi 5 mesi si sono fatti il 40% di esami in meno il numero di mesi standard è uguale a 2.  Questa misura fornisce anche il ritardo diagnostico medio delle lesioni che verranno diagnosticate allo screening da settembre in poi, assumendo che non vi siano salti nell’ordine del reinvito e che non subentrino ritardi ulteriori.
Infine, si è stimato il deficit di lesioni diagnosticate a fine settembre 2020 rispetto all'anno precedente. La stima è stata ottenuta applicando al numero di soggetti esaminati in meno nel 2020 i tassi di identificazione regione-specifici delle lesioni oggetto dei programmi di screening (carcinomi mammari, adenomi avanzati e carcinomi colorettali, lesioni cervicali CIN2 o più gravi). Sono stati utilizzati i dati delle survey nazionali dell’Osservatorio Nazionale Screening più recenti (2018 colon retto e mammella, 2017 cervice).
A differenza del precedente rapporto, oltre ai test di screening eseguiti sono stati presi in considerazione anche gli inviti o gli utenti contattati. Mentre nel 2019 il contatto è avvenuto solo tramite invito postale, nel 2020, specialmente nella prima fase post picco pandemico, il contatto è avvenuto anche o solo tramite chiamata telefonica o sms. È stato chiesto che i programmi segnalassero il numero delle persone contattate indipendentemente dalla modalità utilizzata, a condizione che i soggetti fossero conteggiati una sola volta (es. se un utente aveva ricevuto una lettera di invito nel periodo di sospensione, e fosse poi stato contattato telefonicamente alla ripresa delle attività, questo veniva conteggiato come un unico contatto).
Per ogni tipo di programma di screening sono presentati:

1) il ritardo cumulato (in numeri assoluti e in %) nel numero di inviti/contatti nel periodo gennaio-maggio 2020, giugno-settembre e complessivamente gennaio-settembre rispetto allo stesso periodo del 2019 in ogni Regione, per ciascuno dei tre screening;
2) il ritardo cumulato (in numeri assoluti e in %) nel numero di esami nel periodo gennaio-maggio 2020, giugno-settembre e complessivamente gennaio-settembre rispetto allo stesso periodo del 2019 in ogni Regione per ciascuno dei tre screening;
3) 
il ritardo cumulato (in mesi standard) nel numero di esami nel periodo gennaio-maggio 2020, giugno-settembre e complessivamente gennaio-settembre rispetto allo stesso periodo del 2019 in ogni Regione per ciascuno dei tre screening;
4) 
la stima del numero di lesioni diagnosticate in meno rispetto al 2019.

​Infine è stata valutata la propensione degli utenti invitati a partecipare ai programmi di screening attraverso  il rapporto fra la percentuale di diminuzione degli inviti e quella di esami effettuati. Infatti, se allo stesso numero di inviti corrispondesse la stessa partecipazione del 2019, il rapporto fra inviti del 2020 rispetto al 2019 corrisponderebbe al rapporto fra esami effettuati nel 2020 rispetto al 2019.

Risultati
Complessivamente hanno risposto alla survey 20 Regioni o Province Autonome su 21 (manca al momento solo la Basilicata). Mancano inoltre i risultati di 2 su 5 programmi della Calabria.  Alcune Regioni hanno in parte aggiornato anche il primo periodo della survey, per cui è possibile non trovare una esatta corrispondenza con i dati presentati in precedenza.
Di seguito in dettaglio i risultati per ciascuno dei tre screening.

Screening cervicale
Nel valutare i risultati di questo specifico programma bisogna considerare che è influenzato dal passaggio da Pap test (con cadenza triennale) ad HPV test (con cadenza quinquennale). E’ possibile, infatti, che la popolazione da invitare nel 2020 sia inferiore a quella del 2019, poiché riflette il numero di persone invitate ancora a Pap test o già ad HPV test rispettivamente nei tre anni precedenti, facendo sì che le persone invitate in più ad HPV test nel 2017 rispetto al 2016, passando a 5 anni invece che 3, risultano come popolazione in meno da invitare nel 2020 rispetto al 2019. Alcune regioni hanno riportato la riduzione attesa di inviti e test di screening di primo livello che ne deriva (Trentino -35%, Veneto -20%, Piemonte -5%, Emilia Romagna -25%, Toscana -7%, Lazio -9%, Molise -20%). Quindi una parte della riduzione di attività registrata nel 2020 non è, in realtà, da recuperare.
La tabella 1 riporta il numero e la percentuale di persone invitate/contattate nel 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019. I valori sono distinti per Regione e per 3 periodi temporali: gennaio-maggio, giugno-settembre, e il complessivo gennaio-settembre. Complessivamente, nei primi 9 mesi, si osserva una riduzione rispetto all’anno precedente di più di un milione di inviti (1.162.842) pari ad una riduzione percentuale del 40,5%. Si documenta una grande variabilità fra le Regioni, con diminuzioni che arrivano al 59%.  Non emergono sostanziali differenze nei primi due periodi (-41,3% nei primi 5 mesi e -39,5% nel successivo periodo).
Le tabelle 2a e 2b riportano, per i primi 9 mesi del 2020 e lo stesso periodo del 2019, il numero e la percentuale di donne esaminate in meno e il numero di mesi standard di ritardo accumulati. Il numero di persone esaminate in meno rispetto al 2019 è complessivamente 540.705, pari ad una riduzione del 48,8%. Ci sono ampie oscillazioni fra le Regioni (PA di Bolzano -20,4%, Lombardia -68,5%). Prendendo in esame i due periodi temporali (gennaio-maggio e giugno-settembre) si può notare come vi sia nel secondo periodo un netto rallentamento nella diminuzione degli esami eseguiti: infatti si passa dal -55,1% del primo periodo al -39,3% del secondo periodo. In altre parole continua ad accumularsi ritardo, anche se a velocità minore. Questo fenomeno si vede bene considerando i mesi standard di ritardo: alla fine di settembre sono 4,4, perché ai 2,9 mesi del primo periodo si aggiungono ulteriori 1,5 mesi del secondo.  Solo 4 Regioni (PA Bolzano, Molise, Calabria e Sardegna) nel secondo periodo hanno parzialmente recuperato il ritardo.  
Il rapporto fra le percentuali di diminuzione delle invitate e degli esami fatti fra il 2020 e il 2019 ci dà una indicazione sulla propensione a partecipare avendo ricevuto un invito. Questo rapporto per lo screening della cervice uterina risulta pari a 40,8%/48,8% = 0,83.  Questo significa che, rispetto al 2019, nel 2020 la propensione alla partecipazione si è ridotta relativamente del 17%.
La tabella 3 riporta la stima delle mancate diagnosi di lesioni CIN2+ a causa del ritardo accumulato. Il numero di lesioni non diagnosticate è stimato vicino a 2.400 (2.383), mentre alla fine di maggio la stima era di 1.677. È opportuno ricordare che si tratta quasi completamente di CIN2 e CIN3, le lesioni target dello screening cervicale, che sono lesioni pre-cancerose con un basso potenziale di trasformazione e che mediamente il tempo necessario affinché una lesione CIN3 progredisca a cancro è di diversi anni. Inoltre, se da un lato esiste la possibilità che queste lesioni progrediscano, dall’altro è anche vero che una parte di queste, soprattutto CIN2, regrediscono spontaneamente, mentre si può assumere che la gran parte si presentino uguali ad un successivo o ritardato screening. Infine il trattamento delle lesioni CIN3 rispetto a quelle CIN2 non implica una maggiore invasività del trattamento e non comporta alcun peggioramento nella prognosi e di fatto il ritardo diagnostico è clinicamente rilevante solo quando una lesione pre-cancerosa si trasforma in lesione invasiva.

Tabella 1. Screening cervicale. Confronto per periodo 2020-2019: differenza in numero assoluto delle donne invitate/contattate (fascia di età 24-64 anni)

   
   
   
Periodo    
   
Regione   
   
gennaio - maggio   
   
giugno - settembre   
   
gennaio - settembre   
   
Abruzzo   
   
-6984   
   
-7803   
   
-14787   
   
Basilicata   
   
   
   
   
   
   
   
Bolzano   
   
-2113   
   
7104   
   
4991   
   
Campania   
   
-76651   
   
-108186   
   
-184837   
   
Calabria *   
   
-6677   
   
-534   
   
-7211   
   
Emilia Romagna   
   
-73336   
   
-24899   
   
-98235   
   
FVG   
   
-16350   
   
-13448   
   
-29798   
   
Lazio   
   
-58095   
   
-62392   
   
-120487   
   
Liguria   
   
-18627   
   
-36012   
   
-54639   
   
Lombardia    
   
-45350   
   
-59560   
   
-104910   
   
Marche   
   
-29500   
   
9587   
   
-19913   
   
Molise   
   
-2208   
   
931   
   
-1277   
   
Piemonte   
   
-81406   
   
-21677   
   
-103083   
   
Puglia   
   
-47720   
   
-73513   
   
-121233   
   
Sardegna    
   
-8466   
   
-22047   
   
-30513   
   
Sicilia   
   
-91889   
   
19089   
   
-72800   
   
Trentino   
   
-7083   
   
-6717   
   
-13800   
   
Toscana   
   
-52349   
   
-17865   
   
-70214   
   
Umbria   
   
-9112   
   
-588   
   
-9700   
   
Valle d'Aosta   
   
-1926   
   
1454   
   
-472   
   
Veneto   
   
-61788   
   
-48136   
   
-109924   
ITALIA    -697.630
(-41,3%)   

-465212
(-39,5%)   

-1162842
(-40,5%)   

*dati relativi a 3 Aziende USL su 5

Tabella 2a. Screening cervicale. Confronto per periodi 2020-2019: differenza in numero assoluto e in percentuale di donne esaminate

   
   
   
Periodo (numeri assoluti)   
   
Regione   
   
gennaio – maggio  (%)   
   
giugno – settembre   (%)   
   
gennaio – settembre   (%)   
   
Abruzzo   
   
-4779 (-48,9%)   
   
-5070 (-44,2%)   
   
-9849 (-46,4%)   
   
Basilicata   
   
   
   
   
   
   
   
Bolzano   
   
-1188 (-72,4%)   
   
144 (4,1%)   
   
-1044 (-20,4%)   
   
Campania    
   
-26823 (-58,7%)   
   
-7677 (-42,0%)   
   
-34500 (-55,1%)   
   
Calabria*   
   
-3536 (-64,8%)   
   
1901 (319,0%)   
   
-1635 (-30,9%)   
   
Emilia Romagna   
   
-51854 (-62,9%)   
   
-20658 (-33,5%)   
   
-72512 (-50,3%)   
   
FVG   
   
-11419 (-42,5%)   
   
-5650 (-35,0%)   
   
-17069 (-39,7%)   
   
Lazio   
   
-30024 (-60,5%)   
   
-12339 (-78,4%)   
   
-42363 (-66,6%)   
   
Liguria   
   
-11232 (-62,5%)   
   
-7568 (-72,8%)   
   
-18800 (-68,5%)   
   
Lombardia    
   
-21276 (-55,0%)   
   
-33597 (-25,2%)   
   
-54873 (-42,6%)   
   
Marche   
   
-12700 (-55,0%)   
   
-4133 (-25,2%)   
   
-16833 (-42,6%)   
   
Molise   
   
-667 (-42,6%)   
   
141 (17,6%)   
   
-526 (-22,2%)   
   
Piemonte    
   
-38845 (-55,4%)   
   
-26622 (-58,5%)   
   
-65467 (-56,6%)   
   
Puglia   
   
-21680 (-50,6%)   
   
-20179 (-62,4%)   
   
-41859 (-55,7%)   
   
Sardegna    
   
-8502 (-45,1%)   
   
2306 (17,1%)   
   
-6196 (-19,2%)   
   
Sicilia   
   
-27883 (-63,1%)   
   
-2806 (-11,3%)   
   
-30689 (-44,5%)   
   
Trentino   
   
-5985 (-50,5%)   
   
-1945 (-23,9%)   
   
-7930 (-39,7%)   
   
Toscana   
   
-31309 (-45,0%)   
   
-13129 (-26,6%)   
   
-44438 (-37,4%)   
   
Umbria   
   
-8013 (-48,2%)   
   
-387 (-3,5%)   
   
-8400 (-30,2%)   
   
Valle d'Aosta   
   
-1551 (-54,9%)   
   
570 (28,1%)   
   
-981 (-20,2%)   
   
Veneto   
   
-42735 (-56,5%)   
   
-22006 (-39,4%)   
   
-64741 (-49,2%)   
   
ITALIA   
   
-362001 (-55,1%)   
   
-178704 (-39,3%)   
   
-540705 (-48,8%)   

 

Tabella 2b. Screening cervicale. Confronto per periodi 2020-2019: differenza in mesi standard di ritardo (mesi necessari per recuperare il ritardo, rispetto alle persone esaminate, con le performance del 2019 di ciascuna Regione)

   
   
   
Mesi standard ritardo   
   
Regione   
   
gennaio - maggio   
   
giugno - settembre   
   
gennaio - settembre   
   
Abruzzo   
   
-2,0   
   
-2,1   
   
-4,2   
   
Basilicata   
   
   
   
   
   
   
   
Bolzano   
   
-2,1   
   
0,3   
   
-1,8   
   
Campania   
   
-3,9   
   
-1,1   
   
-5,0   
   
Calabria*   
   
-6,0   
   
3,2   
   
-2,8   
   
Emilia Romagna   
   
-3,2   
   
-1,3   
   
-4,5   
   
FVG   
   
-2,4   
   
-1,2   
   
-3,6   
   
Lazio   
   
-3,3   
   
-1,4   
   
-4,7   
   
Liguria   
   
-3,6   
   
-2,4   
   
-6,0   
   
Lombardia    
   
-2,4   
   
-3,8   
   
-6,2   
   
Marche   
   
-2,9   
   
-0,9   
   
-3,8   
   
Molise   
   
-2,5   
   
0,5   
   
-2,0   
   
Piemonte    
   
-3,0   
   
-2,1   
   
-5,1   
   
Puglia   
   
-2,6   
   
-2,4   
   
-5,0   
   
Sardegna   
   
-2,4   
   
0,6   
   
-1,7   
   
Sicilia   
   
-3,6   
   
-0,4   
   
-4,0   
   
Trentino   
   
-2,7   
   
-0,9   
   
-3,6   
   
Toscana   
   
-2,4   
   
-1,0   
   
-3,4   
   
Umbria   
   
-2,6   
   
-0,1   
   
-2,7   
   
Valle d'Aosta   
   
-2,9   
   
1,1   
   
-1,8   
   
Veneto   
   
-2,9   
   
-1,5   
   
-4,4   
   
ITALIA   
   
-2,9   
   
-1,5   
   
-4,4   

*dati relativi a 3 Aziende USL su 5

Tabella 3. Screening cervicale. Confronto per periodi 2020-2019: ritardo diagnostico in termini di numero di casi diagnosticati (lesioni CIN2+) in meno sulla base degli esami effettuati e dei tassi di identificazione attesi relativi all’anno 2017

 

   
Regione   

   
Numero esami in meno
   gennaio -settembre   
   
Tassi attesi CIN 2+ x 1000 esaminate    
   
Lesioni CIN2+ diagnosticate in meno
(stima in   numero assoluto)**   
   
Abruzzo   
   
-9849   
   
5,7   
   
-56   
   
Basilicata   
   
   
   
1,8   
   
   
   
Bolzano   
   
-1044   
   
ND   
   
   
   
Campania   
   
-34500   
   
2,0    
   
-69   
   
Calabria*   
   
-1635   
   
10,0   
   
-16   
   
Emilia Romagna   
   
-72512   
   
5,2   
   
-380   
   
FVG   
   
-17069   
   
4,9   
   
-84   
   
Lazio   
   
-42363   
   
4,4   
   
-185   
   
Liguria   
   
-18800   
   
5,4   
   
-101   
   
Lombardia    
   
-54873   
   
3,8   
   
-209   
   
Marche   
   
-16833   
   
2,8   
   
-48   
   
Molise   
   
-526   
   
ND   
   
   
   
Piemonte    
   
-65467   
   
6,4   
   
-419   
   
Puglia   
   
-41859   
   
0,4   
   
-16   
   
Sardegna    
   
-6196   
   
5,1   
   
-32   
   
Sicilia   
   
-30689   
   
1,8   
   
-56   
   
Trentino   
   
-7930   
   
5,2    
   
-41   
   
Toscana   
   
-44438   
   
6,4   
   
-284   
   
Umbria   
   
-8400   
   
12,3   
   
-103   
   
Valle d'Aosta   
   
-981   
   
3,0   
   
-3   
   
Veneto   
   
-64741   
   
4,3   
   
-281   
   
ITALIA   
   
-540705   
   
4,5   
   
-2383   

*dati relativi a 3 Aziende USL su 5
** il totale per l’Italia è pari alla somma dei casi di ogni Regione

Screening mammografico
La tabella 4 riporta il numero e la percentuale delle donne invitate nel 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019. I valori sono distinti per Regione e per 3 periodi temporali: gennaio-maggio, giugno-settembre e il complessivo gennaio-settembre. Complessivamente, nei primi 9 mesi, si registra una riduzione rispetto all’anno precedente di più di 900.000 inviti (-947.322) pari al -34,5%. Anche per lo screening mammografico si osserva una grande variabilità fra le Regioni, con valori di ritardo che arrivano a -60%.  Emerge una forte differenza nei due periodi presi in considerazione (-41,6% nei primi 5 mesi e -19,6% nel successivo periodo) dimostrando un tentativo, ancorché parziale, di recupero.
Le tabelle 5a e 5b riportano, per i periodi esaminati, il numero e la percentuale di donne esaminate in meno nel 2020 rispetto al 2019 e il numero di mesi standard di ritardo accumulati fino al 30 settembre. Nei primi 9 mesi del 2020 sono oltre 600.000 in meno le donne che hanno eseguito la mammografia in screening rispetto allo stesso periodo del 2019, pari ad una riduzione del 43,5 %. Ci sono ampie oscillazioni fra le Regioni (PA di Bolzano -26,3% Sardegna -68,7%). Prendendo in esame i primi due periodi temporali si può notare come nel secondo periodo vi sia un netto rallentamento nella diminuzione proporzionale degli esami eseguiti: infatti si passa dal -53,6% del primo periodo al -28,1% del secondo periodo. In altre parole, continua ad accumularsi ritardo, anche se a velocità minore. Questo fenomeno si vede bene considerando il ritardo in mesi standard: alla fine di settembre i mesi standard di ritardo erano 3,9, essendosi aggiunto ai 2,9 mesi del primo periodo un ulteriore mese del secondo. Nel secondo periodo sei Regioni (PA Bolzano, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Valle D’Aosta) hanno recuperato parte del ritardo, mentre altre 2 hanno contenuto il ritardo aggiuntivo a meno di mezzo mese (Toscana e Veneto).
Il rapporto fra le percentuali di diminuzione delle invitate e degli esami fatti fra il 2020 e il 2019 ci dà una indicazione sulla propensione a partecipare avendo ricevuto un invito. Questo rapporto per lo screening mammografico risulta pari a 34,5%/43,5% = 0,79. Questo significa che, rispetto al 2019, nel 2020 la propensione alla partecipazione si è ridotta relativamente del 21%. La tabella 6 riporta la stima delle mancate diagnosi di tumore della mammella a causa del ritardo accumulato. Il numero di carcinomi non diagnosticati è stimato essere pari a 2.793. Alla fine di maggio la stima era di 2.099 casi.

Tabella 4. Screening mammografico. Confronto per periodo 2020-2019: differenza in numero assoluto delle donne invitate/contattate (fascia 50-69 anni)

   
   
   
Periodo   
   
Regione   
   
gennaio - maggio   
   
giugno - settembre   
   
gennaio - settembre   
   
Abruzzo   
   
-2727   
   
-16352   
   
-19079   
   
Basilicata   
   
   
   
   
   
   
   
Bolzano   
   
-10924   
   
-955   
   
-11879   
   
Campania   
   
-75635   
   
-35071   
   
-110706   
   
Calabria*   
   
-7882   
   
-2903   
   
-10785   
   
Emilia Romagna   
   
-70445   
   
12842   
   
-57603   
   
FVG   
   
-25756   
   
21698   
   
-4058   
   
Lazio   
   
-77572   
   
-22125   
   
-99697   
   
Liguria   
   
-25570   
   
-14735   
   
-40305   
   
Lombardia    
   
-159111   
   
-59783   
   
-218894   
   
Marche   
   
-22900   
   
776   
   
-22124   
   
Molise   
   
-150   
   
-1051   
   
-1201   
   
Piemonte    
   
-68732   
   
-36218   
   
-104950   
   
Puglia   
   
-13224   
   
-48492   
   
-61716   
   
Sardegna    
   
5191   
   
-19263   
   
-14072   
   
Sicilia   
   
-32526   
   
7310   
   
-25216   
   
Trentino   
   
-7577   
   
-7913   
   
-15490   
   
Toscana   
   
-25128   
   
-24671   
   
-49799   
   
Umbria   
   
-12515   
   
2315   
   
-10200   
   
Valle d'Aosta   
   
-3155   
   
559   
   
-2596   
   
Veneto   
   
-50160   
   
-16792   
   
-66952   
   
ITALIA
 
-686.498
(-41,6%)    
-260.824
(-23,8%)   
-947.322
(-34,5%)   

*dati relativi a 3 Aziende USL su 5

Tabella 5a. Screening mammografico. Confronto per periodi 2020-2019: differenza in numero assoluto e in percentuale di donne esaminate

   
   
   
Periodo    
   
Regione   
   
gennaio - maggio   
   
giugno - settembre   
   
gennaio - settembre   
   
Abruzzo   
   
-6030 (-52,9%)   
   
-7066 (-57,2%)   
   
-13096 (-55,2%)   
   
Basilicata   
   
   
   
   
   
   
   
Bolzano   
   
-4832 (-53,6%)   
   
1417 (-35,7%)   
   
-3415 (-26,3%)   
   
Campania    
   
-23311 (-60,8%)   
   
2681 (21,2%)   
   
-20630 (-40,5%)   
   
Calabria*   
   
-3670 (-71,2%)   
   
-597 (42,5%)   
   
-4267 (-65,1%)   
   
Emilia Romagna   
   
-49527 (-49,1%)   
   
6364 (12,1%)   
   
-43163 (-28,2%)   
   
FVG   
   
-15144 (-53,6%)   
   
7103 (51,4%)   
   
-8041 (-19,1%)   
   
Lazio   
   
-48910 (-65,8%)   
   
-8103 (-20,9%)   
   
-57013 (-50,5%)   
   
Liguria   
   
-16531 (-58,9%)   
   
-6586 (-54,9%)   
   
-24950 (-57,5%)   
   
Lombardia    
   
-93399 (-61,5%)   
   
-59195 (-47,0%)   
   
-152594 (-54,9%)   
   
Marche   
   
-10900 (-51,9%)   
   
-7192 (-40,4%)   
   
-18092 (-46,6%)   
   
Molise   
   
-1420 (-50,1%)   
   
-375 (-21,5%)   
   
-1795 (-39,2%)   
   
Piemonte    
   
-40160 (-52,9%)   
   
-21774 (-41,0%)   
   
-61934 (-48,0%)   
   
Puglia   
   
-18906 (-50,6%)   
   
-16829 (-59,4%)   
   
-35735 (-54,4%)   
   
Sardegna    
   
-5754 (-45,3%)   
   
-16678 (-83,5%)   
   
-22432 (-68,7%)   
   
Sicilia   
   
-22921 (-55,7%)   
   
-10681 (-35,9%)   
   
-33602 (-47,4%)   
   
Trentino   
   
-5979 (-50,8%)   
   
-6071 (-72,1%)   
   
-12050 (-59,7%)   
   
Toscana   
   
-31996 (-40,3%)   
   
-5951 (-12,0)   
   
-37947 (-29,4%)   
   
Umbria   
   
-12053 (-53,4%)   
   
1253 (17,8%)   
   
-10800 (-36,5%)   
   
Valle d'Aosta   
   
-2001 (-48,9%)   
   
147 (229,7)   
   
-1854 (-44,7%)   
   
Veneto   
   
-41181 (-44,7%)   
   
-6212 (-9,8%)   
   
-47393 (-30,5%)   
   
ITALIA   
   
-454.625
(-53,6%)   
   
-156178
(-28,1%)   
   
-610803
(-43,5%)   

*dati relativi a 3 Aziende USL su 5

Tabella 5b. Screening mammografico. Confronto per periodi 2020-2019: differenza in mesi standard di ritardo (mesi necessari per recuperare il ritardo, rispetto alle persone esaminate, con le performance del 2019 di ciascuna Regione)

   
   
   
Mesi standard ritardo   
   
Regione   
   
gennaio - maggio   
   
giugno - settembre   
   
gennaio - settembre   
   
Abruzzo   
   
-2,3   
   
-2,7   
   
-5,0   
   
Basilicata   
   
   
   
   
   
   
   
Bolzano   
   
-3,4   
   
1,0   
   
-2,4   
   
Campania    
   
-4,1   
   
0,5   
   
-3,6   
   
Calabria*   
   
-5,0   
   
-0,8   
   
-5,9   
   
Emilia Romagna   
   
-2,9   
   
0,4   
   
-2,5   
   
FVG   
   
-3,2   
   
1,5   
   
-1,7   
   
Lazio   
   
-3,9   
   
-0,6   
   
-4,5   
   
Liguria   
   
-3,4   
   
-1,7   
   
-5,2   
   
Lombardia   
   
-3,0   
   
-1,9   
   
-4,9   
   
Marche   
   
-2,5   
   
-1,7   
   
-4,2   
   
Molise   
   
-2,8   
   
-0,7   
   
-3,5   
   
Piemonte    
   
-2,8   
   
-1,5   
   
-4,3   
   
Puglia   
   
-2,6   
   
-2,3   
   
-4,9   
   
Sardegna   
   
-1,6   
   
-4,6   
   
-6,2   
   
Sicilia   
   
-2,9   
   
-1,4   
   
-4,3   
   
Trentino   
   
-2,7   
   
-2,7   
   
-5,4   
   
Toscana   
   
-2,2   
   
-0,4   
   
-2,6   
   
Umbria   
   
-3,7   
   
0,4   
   
-3,3   
   
Valle d'Aosta   
   
-4,3   
   
0,3   
   
-4,0   
   
Veneto   
   
-2,4   
   
-0,4   
   
-2,7   
ITALIA    -2,9    -1,0    -3,9   

*dati relativi a 3 Aziende USL su 5

Tabella 6. Screening mammografico. Confronto per periodi 2020-2019: ritardo diagnostico in termini di numero di casi diagnosticati (cancri) in meno sulla base degli esami effettuati e dei tassi attesi relativi all’anno 2018

   
Regione   
   
Numero esami in meno
   gennaio - settembre   
   
Tassi attesi cancro x 1000 esaminate   
   
Carcinomi diagnosticati in meno (stima in numero assoluto)**   
   
Abruzzo   
   
-13096   
   
4,5   
   
-59   
   
Basilicata   
   
   
   
   
   
   
   
Bolzano   
   
-3415   
   
4,8   
   
-16   
   
Campania    
   
-20630   
   
4   
   
-83   
   
Calabria*   
   
-4267   
   
2,9   
   
-12   
   
Emilia Romagna   
   
-43163   
   
5,5   
   
-237   
   
FVG   
   
-8041   
   
5,7   
   
-46   
   
Lazio   
   
-57013   
   
4,2   
   
-239   
   
Liguria   
   
-24950   
   
3,1   
   
-77   
   
Lombardia    
   
-152594   
   
4,4   
   
-671   
   
Marche   
   
-18092   
   
4   
   
-72   
   
Molise   
   
-1795   
   
3,5   
   
-6   
   
Piemonte   
   
-61934   
   
5,5   
   
-341   
   
Puglia   
   
-35735   
   
4,3   
   
-154   
   
Sardegna   
   
-22432   
   
6   
   
-135   
   
Sicilia   
   
-33602   
   
3,3   
   
-111   
   
Trentino   
   
-12050   
   
3   
   
-36   
   
Toscana   
   
-37947   
   
5,2   
   
-197   
   
Umbria   
   
-10800   
   
3,4   
   
-37   
   
Valle d'Aosta   
   
-1854   
   
4,5   
   
-8   
   
Veneto   
   
-47393   
   
5,4   
   
-256   
ITALIA    -610.803    4,7    -2.793   

*dati relativi a 3 Aziende USL su 5
** il totale per l’Italia è pari alla somma dei casi di ogni Regione

Screening colorettale
La tabella 7 riporta il numero e la percentuale delle persone invitate nel 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019. I valori sono distinti per Regione e per 3 periodi temporali: gennaio-maggio, giugno-settembre e gennaio - settembre. Complessivamente, nei primi 9 mesi, osserviamo una riduzione di quasi 2.000.000 di inviti (1.907.789) rispetto all’anno precedente, pari al 42,0%. Anche in questo caso, la variabilità fra le Regioni è ampia, con ritardi che arrivano al 70%.  Emerge una differenza nei due periodi presi in considerazione (- 47,3% nei primi 5 mesi e -34,2% nel periodo successivo), dimostrando che il tentativo di recupero è stato molto parziale. Da segnalare come la PA di Bolzano aumenti considerevolmente il numero di inviti nel 2020 (+30%). Una situazione particolare è rappresentata dalla Puglia, che di fatto ha iniziato il programma di screening colorettale negli ultimi mesi del 2019 e lo ha portato avanti nei primi mesi del 2020. Per questa ragione si riporta solo il dato complessivo del 2020.
Le tabelle 8a e 8b riportano, per i periodi considerati, il numero e la percentuale di persone esaminate in meno e il numero di mesi standard di ritardo accumulati fino al 30 settembre. Sono quasi un milione in meno (967.465), le persone che hanno eseguito il test di screening (FIT o Sigmoidoscopia) nei primi 9 mesi del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019, con una riduzione del 52,7%. Ci sono ampie oscillazioni fra le Regioni (Abruzzo -18,6%, Calabria -93,3%). Prendendo in esame i due diversi periodi temporali, si può notare come nel secondo periodo la diminuzione proporzionale degli esami eseguiti sia rallentata: infatti si è passati dal -57,8% del primo periodo al -46,1% del secondo. In altre parole, come per gli altri due programmi, continua ad accumularsi ritardo, anche se a velocità minore. Analizzando i mesi standard di ritardo, si può osservare che alla fine di settembre si è giunti a 4,7 mesi standard, perché ai 3,0 mesi del primo periodo si aggiungono altri 1,8 mesi del secondo.  Nel secondo periodo, tre Regioni (Emilia-Romagna, Marche, Trentino) hanno recuperato parte del ritardo precedente, mentre il Veneto non ha aumentato ulteriormente il ritardo.
Il rapporto fra le percentuali di diminuzione degli invitati e degli esami effettuati fra il 2020 e il 2019 ci dà una indicazione sulla propensione a partecipare avendo ricevuto un invito. Questo rapporto per lo screening colorettale risulta pari a 33,8%/43,3% = 0,80.  Questo significa che, rispetto al 2019, nel 2020 la propensione alla partecipazione si è ridotta relativamente del 20%.
La tabella 9 riporta la stima dei carcinomi colorettali e degli adenomi avanzati non ancora diagnosticati a causa del ritardo accumulato. Si tratta di 1.168 carcinomi e di 6.667 adenomi avanzati. Alla fine di maggio la stima era di 611 e 3.953 rispettivamente. Anche per gli adenomi avanzati valgono alcune delle considerazioni fatte per le lesioni precancerose della cervice uterina, cioè il ritardo diagnostico accumulato finora non causa verosimilmente un peggioramento della prognosi o comunque una maggiore morbilità se non tramite un passaggio da lesione pre-invasiva a lesione invasiva.

Tabella 7. Screening colorettale. Confronto per periodo 2020-2019: differenza in numero assoluto degli utenti invitati/contattati (fascia 50-70 anni)

   
 
   
Periodo    
   
   Regione
   
gennaio - maggio   
   
giugno - settembre   
   
gennaio - settembre   
   
Abruzzo   
   
-11630   
   
-6241   
   
-17871   
   
Basilicata   
   
   
   
   
   
   
   
Bolzano   
   
-5462   
   
15769   
   
10307   
   
Campania   
   
-71619   
   
-69431   
   
-141050   
   
Calabria*   
   
-9252   
   
-358   
   
-9610   
   
Emilia Romagna   
   
-119548   
   
51981   
   
-67567   
   
FVG   
   
-33553   
   
-8315   
   
-41868   
   
Lazio   
   
-161500   
   
-100638   
   
-262138   
   
Liguria   
   
-52582   
   
-54098   
   
-106680   
   
Lombardia    
   
-378491   
   
-364673   
   
-743164   
   
Marche   
   
-45500   
   
23350   
   
-22150   
   
Molise   
   
-16361   
   
-13551   
   
-29912   
   
Piemonte FIT   
   
-24377   
   
-3839   
   
-28216   
   
Piemonte FS    
   
-23608   
   
-17648   
   
-41256   
   
Puglia**   
   
50132   
   
-3610   
   
46522   
   
Sardegna   
   
-17608   
   
-21168   
   
-38776   
   
Sicilia   
   
-137787   
   
10732   
   
-127055   
   
Trentino   
   
-12201   
   
-346   
   
-12547   
   
Toscana   
   
-92522   
   
-45664   
   
-138186   
   
Umbria   
   
-16867   
   
4467   
   
-12400   
   
Valle d'Aosta   
   
-3698   
   
-2174   
   
-5872   
   
Veneto   
   
-89851   
   
-28449   
   
-118300   
ITALIA    -1.273,885
(-47,3%)   
-633.904
(-34,2%)   
-1.907.789
(-42,0%)   

*dati relativi a 3 Aziende USL su 5
** La regione Puglia ha iniziato lo screening colorettale solamente negli ultimi mesi del 2019

Tabella 8a. Screening colorettale. Confronto per periodi 2020-2019: differenza in numero assoluto e percentuale di persone esaminate

   
 
   
Periodo   
   
   Regione
   
gennaio – maggio    
   
giugno - settembre   
   
gennaio - settembre   
   
Abruzzo   
   
-5264 (-39,6%)   
   
-251 (-1,5%)   
   
-5515 (-18,6%)   
   
Basilicata   
   
   
   
   
   
   
   
Bolzano   
   
-2761 (-53,5%)   
   
-2954 (-23,3%)   
   
-5715 (-32,0%)   
   
Campania    
   
-15622 (-54,1%)   
   
-22202 (-90,6%)   
   
-37824 (-70,8%)   
   
Calabria *   
   
-1224 (-88,8%)   
   
-1156 (-99,9%)   
   
-2380 (-93,9%)   
   
Emilia Romagna   
   
-71363 (-53,1%)   
   
12308 (16,7%)   
   
-59055 (-28,4%)   
   
FVG   
   
-15584 (-38,6%)   
   
-7282 (-24,0%)   
   
-22866 (-32,3%)   
   
Lazio   
   
-64367 (-72,0%)   
   
-46914 (-62,4%)   
   
-111281 (-67,6%)   
   
Liguria   
   
-18995 (-61,6%)   
   
-20157 (-84,2%)   
   
-39152 (-71,2%)   
   
Lombardia    
   
-181441 (-68,6%)   
   
-190358 (-91,3%)   
   
-371799 (-78,6%)   
   
Marche   
   
-16200 (-55,5%)   
   
4285 (22,7%)   
   
-11915 (-24,8%)   
   
Molise   
   
-2089 (-100,0%)   
   
-3310 (-41,1%)   
   
-5399 (-53,3%)   
   
Piemonte FIT   
   
-15954 (-53,7%)   
   
-13566 (-57,4%)   
   
-29520 (-55,3%)   
   
Piemonte FS   
   
-4624 (-60,8%)   
   
-4646 (-77,9%)   
   
-9270 (-68,3%)   
   
Puglia**   
   
7700 (nv)   
   
-188 (-19,1%)   
   
7512 (763,4%)   
   
Sardegna   
   
-7308 (-56,0%)   
   
-22183 (-73,2%)   
   
-29491 (-68,0%)   
   
Sicilia   
   
-6982 (-43,3%)   
   
-20342 (-52,1%)   
   
-27324 (-49,5%)   
   
Trentino   
   
-6716 (-45,7%)   
   
1277 (24,9%)   
   
-5439 (-27,5%)   
   
Toscana   
   
-64121 (-56,3%)   
   
-21300 (-34,1%)   
   
-85421 (-48,4%)   
   
Umbria   
   
-6689 (-32,6%)   
   
-2211 (-14,4%)   
   
-8900 (-24,8%)   
   
Valle d'Aosta   
   
-2240 (-43,4%)   
   
-3617 (-100,0%)   
   
-5857 (-66,7%)   
   
Veneto   
   
-100018 (-55,1%)   
   
-836 (-0,7%)   
   
-100854 (-34,2%)   
ITALIA     -601.862 (-57,8%)    -365.603 (-46,1%)     -967.465 (-52,7%)   

*dati relativi a 3 Aziende USL su 5
** La regione Puglia ha iniziato lo screening colorettale solamente negli ultimi mesi del 2019
nv: non valutabile

Tabella 8b. Screening colorettale. Confronto per periodi 2020-2019: differenza in mesi standard di ritardo (mesi necessari per recuperare il ritardo, rispetto alle persone esaminate, con le performance del 2019 di ciascuna Regione)

   
 
   
Mesi standard ritardo   
   
   Regione   
   
gennaio - maggio   
   
giugno - settembre   
   
gennaio - settembre   
   
Abruzzo   
   
-1,6   
   
-0,1   
   
-1,7   
   
Basilicata   
   
   
   
   
   
   
   
Bolzano   
   
-2,4   
   
1,3   
   
-1,1   
   
Campania    
   
-2,6   
   
-3,7   
   
-6,4   
   
Calabria *   
   
-4,3   
   
-4,1   
   
-8,4   
   
Emilia Romagna   
   
-3,1   
   
0,5   
   
-2,6   
   
FVG   
   
-2,0   
   
-0,9   
   
-2,9   
   
Lazio   
   
-3,5   
   
-2,6   
   
-6,1   
   
Liguria   
   
-3,1   
   
-3,3   
   
-6,4   
   
Lombardia    
   
-3,5   
   
-3,6   
   
-7,1   
   
Marche   
   
-3,0   
   
0,8   
   
-2,2   
   
Molise   
   
-1,9   
   
-2,9   
   
-4,8   
   
Piemonte FIT   
   
-2,7   
   
-2,3   
   
-5,0   
   
Piemonte FS   
   
-3,1   
   
-3,1   
   
-6,2   
   
Puglia**   
   
NV   
   
NV   
   
NV   
   
Sardegna    
   
-1,5   
   
-4,6   
   
-6,1   
   
Sicilia   
   
-1,1   
   
-3,3   
   
-4,5   
   
Trentino   
   
-3,1   
   
0,6   
   
-2,5   
   
Toscana   
   
-3,3   
   
-1,1   
   
-4,4   
   
Umbria   
   
-1,7   
   
-0,6   
   
-2,2   
   
Valle d'Aosta   
   
-2,3   
   
-3,7   
   
-6,0   
   
Veneto   
   
-3,1   
   
0,0   
   
-3,1   
ITALIA     -3,0    -1,8    -4,7   

*dati relativi a 3 Aziende USL su 5
** La regione Puglia ha iniziato lo screening colorettale solamente negli ultimi mesi del 2019
nv: non valutabile

Tabella 9. Screening colorettale. Confronto per periodi 2020-2019: ritardo diagnostico in termini di numero di casi diagnosticati (cancri e adenomi avanzati) in meno sulla base degli esami effettuati e dei tassi attesi relativi all’anno 2018

Regione    Numero esami in meno
gennaio - settembre    
   
Tassi attesi cancro x 1000 esaminati
   
   
Carcinomi diagnosticati in meno (stima in   numero assoluto)***    Tassi attesi di adenoma avanzato x 1000
   
   
   
Adenomi avanzati
   diagnosticati
in meno ***   
   
Abruzzo   
   
-5515   
   
3   
   
-17   
   
11,8   
   
-65   
   
Basilicata   
   
   
   
   
   
0   
   
   
   
   
   
Bolzano   
   
-5715   
   
1,1   
   
-6   
   
1,2   
   
-7   
   
Campania    
   
-37824   
   
3,1   
   
-117   
   
3,4   
   
-129   
   
Calabria*   
   
-2380   
   
1,6   
   
-4   
   
4,5   
   
-11   
   
Emilia   Romagna   
   
-59055   
   
0,9   
   
-53   
   
7,6   
   
-449   
   
FVG   
   
-22866   
   
1   
   
-23   
   
4,2   
   
-96   
   
Lazio   
   
-111281   
   
1,9   
   
-211   
   
10,4   
   
-1157   
   
Liguria   
   
-39152   
   
0,8   
   
-31   
   
4,4   
   
-172   
   
Lombardia   
   
-371799   
   
0,9   
   
-335   
   
4,9   
   
-1822   
   
Marche   
   
-11915   
   
1,1   
   
-13   
   
6,8   
   
-81   
   
Molise   
   
-5399   
   
1,7   
   
-9   
   
5,6   
   
-30   
   
Piemonte   FIT   
   
-29520   
   
1,7   
   
-50   
   
12,2   
   
-360   
   
Piemonte   RS   
   
-9270   
   
3,1   
   
-29   
   
50,9   
   
-472   
   
Puglia**   
   
7512   
   
1,1   
   
8   
   
   
   
50   
   
Sardegna   
   
-29491   
   
2,1   
   
-29   
   
6   
   
-218   
   
Sicilia   
   
-27324   
   
1,1   
   
-57   
   
5,7   
   
-164   
   
Trentino   
   
-5439   
   
0,9   
   
-6   
   
5,6   
   
-31   
   
Toscana   
   
-85421   
   
1   
   
-77   
   
7,4   
   
-478   
   
Umbria   
   
-8900   
   
0,6   
   
-5   
   
5,8   
   
-52   
   
Valle   d'Aosta   
   
-5857   
   
0,5   
   
-3   
   
6   
   
-35   
   
Veneto   
   
-100854   
   
1   
   
-101   
   
8,8   
   
-888   
ITALIA    -967.465    1,1    -1.168    6,7    -6.667   
*dati relativi a 3 Azienda USL su 5
**La regione Puglia ha iniziato lo screening colorettale solamente negli ultimi mesi del 2019.
*** il totale per l’Italia è pari alla somma dei casi di ogni Regione
 

Considerazioni finali
I dati presentati forniscono un aggiornamento della stima quantitativa dei ritardi che si stanno accumulando nei programmi di screening oncologico in seguito all'epidemia di Covid-19. Nella prima survey il periodo gennaio - maggio comprendeva momenti molto diversi: gennaio e parte di febbraio erano mesi antecedenti l’emergenza epidemica, marzo ed aprile quelli del lockdown, maggio il primo mese di parziale ripresa. I mesi aggiuntivi considerati nella presente survey (da giugno a settembre) rappresentano un periodo di potenziale ripresa e di recupero.
Nel valutare i risultati presentati bisogna considerare diversi elementi.
Per avere un confronto stringente sono stati presi come riferimento gli stessi mesi del 2019. Così facendo, da un lato si può andare incontro a oscillazioni casuali, dall'altro si deve tenere conto che nel 2019 la copertura dei programmi di screening non era adeguata in tutte le Regioni. In ogni caso, la differenza fra il 2020 e il 2019 rende conto della differenza rispetto alla "normalità" precedente.
La riduzione del numero di persone esaminate dipende non solo dalla riduzione del numero degli inviti, ma anche dalla tendenziale minore partecipazione nella fase immediatamente precedente il lockdown e successivamente alla riapertura. Tale riduzione è dovuta, almeno in parte, alla elevata percezione del rischio infettivo da parte degli utenti, che può scoraggiarli dal recarsi in strutture di tipo sanitario. Dalle valutazioni riportate è emersa una riduzione della propensione alla partecipazione che è meno accentuata per lo screening cervicale (-17%), mentre è più elevata per lo screening colorettale (-20%) e per lo screening mammografico (-21%).
Per quanto riguarda lo screening cervicale bisogna considerare inoltre che, a causa del passaggio al test HPV primario, in alcune Regioni gli inviti e gli esami attesi per il 2020 erano minori.
L’evidenza principale che emerge da questa seconda survey è che non vi è stato un recupero rispetto al ritardo accumulato precedentemente, ma anzi il ritardo si è accentuato. Fra i tre screening, quello che ha reagito meglio è quello mammografico, ma anche in questo caso si registra un aumento dei ritardi. Se analizziamo il dato in termini di persone esaminate in meno, il ritardo che si sta accumulando è imponente: complessivamente si osserva una riduzione di oltre due milioni di esami di screening (precisamente 2.118.973).
Questi esami in meno portano a stime di lesioni tumorali non individuate pari a 2.793 carcinomi mammari, 2.383 lesioni della cervice CIN2+, 1.168 carcinomi colorettali e oltre 6.600 adenomi avanzati del colon retto. Dal punto di vista clinico (considerati anche gli intervalli di screening dei singoli programmi) le conseguenze cliniche maggiori sono potenzialmente a carico dello screening mammografico e di quello colorettale. Per conseguenze cliniche si intende il possibile avanzamento dello stadio alla diagnosi per parte dei carcinomi mammari e colorettali e la presentazione di qualche caso di carcinoma della cervice invece delle lesioni CIN 2-3 o carcinoma del colon retto rispetto all’adenoma avanzato.
In sintesi, il ritardo diagnostico medio accumulato è ancora abbastanza limitato, ma si sta allungando ed è pari a 4,7 mesi standard per le lesioni colorettali, a 3,9 mesi standard per i tumori della mammella e a 4,4 per le lesioni della cervice uterina. Questo ritardo, e le relative lesioni non diagnosticate, dipendono sia dal minore numero di persone invitate, che dalla minore adesione da parte della popolazione. Se nel periodo gennaio-maggio il ritardo era dovuto per lo più alla sospensione degli inviti in marzo-aprile e alla graduale ripartenza in maggio, nel periodo successivo giugno-settembre, l’ulteriore ritardo aggiuntivo, a prescindere dal fatto che lo screening sia erogato in presidi ospedalieri o in distretti sul territorio, è legato soprattutto alla messa in sicurezza dei percorsi di screening, con l’adozione di tutte le misure necessarie alla riduzione del rischio di contagio. L’utilizzo dei dispositivi di protezione, l’intensificazione delle procedure di sanificazione, la necessità di mantenere il distanziamento fisico anche nelle sale di attesa, hanno inevitabilmente dilatato il tempo necessario tra un esame di screening e l’altro, con conseguente riduzione del numero di sedute disponibili. A questo si aggiunge che purtroppo finora non è stato sempre possibile garantire una maggiore disponibilità di spazi fisici o di tecnologie (si pensi al maggior carico di lavoro dei laboratori che sono stati in parte o del tutto riconvertiti a supporto delle diagnosi dell’infezione da Coronavirus) e anche la disponibilità del personale in alcuni casi è stata fortemente limitata. A questo proposito è bene ricordare che, in diversi contesti, già in epoca pre-Covid il personale allocato all’attività di screening era appena sufficiente a svolgere l’attività di base: non a caso in molte realtà, laddove si manifestavano urgenze, vi era automaticamente una riduzione delle attività di screening e una riconversione del personale ad altre mansioni. Questa tendenza è tuttora esistente e molti programmi segnalano che il personale dello screening, che durante la prima ondata epidemica era stato riconvertito a supporto dell’emergenza, non è stato ancora completamente riallocato allo screening, di fatto minando la capacità di ripresa dei programmi.
I dati presentati mostrano come riduzioni del volume di attività, mantenute nel tempo, possano rapidamente determinare ritardi che potrebbero ridurre l’effetto protettivo dello screening e come sia quindi necessario riavviare al più presto i programmi su tutto il territorio nazionale.
Già nel primo rapporto era stato sottolineato come la risposta a questa situazione critica da parte dei decisori a diversi livelli istituzionali (Ministero, Regioni/PA, Direzioni Aziendali) non potesse e non dovesse limitarsi a una generica raccomandazione a effettuare i test di screening, ma dovesse consolidarsi in adeguate azioni mirate a ripristinare il livello di attività necessario per la copertura della popolazione bersaglio e ad assicurare il recupero del ritardo accumulato. Dai risultati di questa seconda survey sembra emergere come non sia più nemmeno adeguato parlare di piani di rientro, ma sia necessario che il sistema screening vada fortemente ripensato nel suo complesso e con logiche di importante ristrutturazione, ovvero di corretta, efficiente e stabile allocazione delle risorse (comprese quelle infrastrutturali come i sistemi informativi e le relative integrazioni con le nuove tecnologie), davvero commisurata alle necessità.
L’altro elemento cruciale che emerge è quello della partecipazione della popolazione, che in tutti e tre i programmi di screening sembra essersi ridotta in maniera sensibile. Se le persone che non hanno aderito all’invito lo faranno in ritardo, il rischio di perdere il vantaggio di una diagnosi precoce sarà ancora limitato; se tuttavia non verrà recuperato il test di screening, passando all’invito successivo, il danno delle lesioni non diagnosticate potrebbe diventare clinicamente importante. Prevedere all’attenuarsi della curva epidemica un potenziamento della capacità di erogazione dei programmi, incluso l’invio di solleciti attualmente sospeso in molti programmi, potrebbe essere di grande aiuto. E’ chiaro che, anche in questo caso, sarà necessario adottare un approccio sistematico e strutturato di comunicazione efficace che nasca da una forte sinergia tra programmi di screening, istituzioni locali e regionali, società scientifiche di settore, i media e le associazioni dei cittadini e dei malati. Se da un lato i programmi di screening e le istituzioni dovranno essere in grado di garantire l’erogazione dei servizi in piena sicurezza, è altresì necessario capire più in profondità le motivazioni dei cittadini. E’ verosimile che l’analisi di queste motivazioni induca i servizi sanitari ad adottare modalità organizzative differenti e più in linea con i fabbisogni della popolazione, ma già fin d’ora è necessario adoperarsi per colmare il divario esistente relativo all’innovazione digitale: anche se la modalità di contatto postale rimarrà senz’altro una modalità di contatto valida, è evidente che sistemi di comunicazione differenti, più veloci e più capillari potranno aiutare i cittadini ad essere più confidenti rispetto a questi interventi di sanità pubblica.
Vi sono evidenze consolidate che lo screening sia un ri-equilibratore sociale e la situazione attuale rischia di indebolire questa particolare specificità: è infatti possibile che, stante la difficoltà a recuperare il ritardo accumulato, le fasce di popolazione più abbienti e con livelli di istruzione più elevati decidano di ricorrere ad offerte di prevenzione individuale di tipo privatistico. Di conseguenza, le persone che potrebbero risentire maggiormente dell’impatto negativo del ritardo sarebbero quelle appartenenti alle fasce di popolazione più fragile. Anche per questo motivo è quanto mai necessario che la pianificazione dei recuperi sia tempestiva e consistente e che, al contrario di quanto osservato, non si generino differenze tra i 3 programmi di screening e ci sia il massimo impegno nel dare risposte adeguate ai fabbisogni anche per lo screening cervicale e colorettale.
L’Osservatorio Nazionale Screening ha programmato di monitorare l’evoluzione delle attività dei programmi di screening con la conduzione di una successiva survey quantitativa comprensiva dell’aggiornamento della situazione all’ultimo trimestre del 2020 nel prossimo mese di gennaio 2021.

Consulta e scarica il documento in pdf ( 816 Kb).

Un particolare ringraziamento va a coloro che hanno fornito e organizzato i dati dei singoli programmi permettendo la realizzazione della Survey

Manuela di Giacomo (Abruzzo)
Teresa Landro, Anna Giorno, Annalisa Spinelli (Calabria)
Angelo D’Argenzio (Campania)

Priscilla Sassoli de’ Bianchi (Emilia Romagna)
Giulio Menegazzi (Friuli Venezia Giulia)

Diego Baiocchi (Lazio)
Luigina Ada Bonelli (Liguria)
Liliana Coppola, Maria Rosa Schivardi, Silvia Deandrea (Lombardia)
Giuseppe Feliciangeli (Marche)

Angelo Marcheggiani (Molise) Carlo Senore (Piemonte)
Fabio Vittadello (Provincia Autonoma di Bolzano)
William Mantovani (Provincia Autonoma di Trento)
Nehludoff Albano (Puglia)

Pierina Tanchis (Sardegna)
Gabriella Dardanoni (Sicilia)

Paola Mantellini (Toscana)
Stefania Prandini (Umbria)
Maurizio Castelli (Valle D’Aosta)
Elena Narne (Veneto)

Martina Rossi (Osservatorio nazionale screening)